Cerca

Immigrati: Manneschi (Idv), il no della Corte di Giustizia Ue era facilmente prevedibile

Politica

Firenze, 29 apr. - (Adnkronos) - ''Che la manovra propagandistica della maggioranza al Governo sul reato di clandestinita' fosse una farsa strumentale per accalappiarsi i voti sull'onda della paura nei confronti dello straniero, era assodato''. Lo afferma, in una nota, Marco Manneschi, vice capogruppo Idv in Consiglio regionale della Toscana. ''Avevamo gia' commentato favorevolmente la circolare del procuratore capo di Firenze Quattrocchi, con la quale tempo fa si richiamava l'esigenza di rispettare il diritto comunitario''.

''Ora l'illegittimita' e' stata riconosciuta anche dalla Corte di Giustizia dell'Ue - aggiunge Manneschi - la quale, come facilmente intuibile, ha bocciato con un sonoro no una delle norme chiave inserite da Maroni nel pacchetto Bossi- Fini, gettando nello sconforto piu' totale il ministro dell'Interno leghista. A Maroni vorrei invece dire che, i tanti che hanno sollevato dubbi sulla legittimita' del reato di clandestinita', non possono essere considerati facili profeti ma cittadini armati di buon senso. L'Europa non ce l'ha con l'Italia''.

''Smettiamola - prosegue - con il vittimismo di facciata con il quale si crede di poter giustificare anche l'impossibile e che richiama i funesti stralci della 'perfida Albione'. Oltre a seminare un clima ostile per chi migra nel nostro paese, prevedere la detenzione per gli immigrati e' una mossa davvero poco lungimirante, visto anche il sovraffollamento delle carceri italiane, la carenza di organico del personale penitenziario e, non ultimo, l'ingolfamento delle aule giudiziarie. O si voleva minare il sistema penale prevedendo reati inesistenti?''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog