Cerca

Bpm: Dalu, lascio banca sana con orgoglio e a testa alta (2)

Finanza

Adnkronos) - ''Sono orgoglioso di rivendicare tre anni buoni in un contesto difficile -ha continuato Dalu- non abbiamo mai fatto mancare un dividendo ai soci, anche se modesto, perche' modesti sono i tempi''. Dalu, al termine della relazione sul bilancio dell'esercizio del 2010, rivolto ai soci, ha spiegato che ''questa assemblea rappresenta per me la decisione piu' sofferta della mia carriera professionale: ho vissuto 38 anni in questa azienda, un luogo dove si e' svolta la mia vita, dalla giovinezza, con l'apprendimento, i sogni, le conquiste, le lotte, le frustrazioni, ma anche le soddisfazioni. Questo luogo mi ha formato e io ho cercato di ricambiare con costante impegno''.

Dalu ha motivato le sue dimissioni con la necessita' di preparare un nuovo piano industriale per il prossimo triennio. ''Per mia onesta' -ha spiegato- non intendo iniziare un piano e lasciare scelte ad altri, non sarebbe corretto. Faccio un passo indietro, e' giusto che la banca abbia nuove persone con responsabilita' che varino questo progetto''.

Dalu ha confermato che manterra' alcuni incarichi di rappresentanza nei cda di alcune societa' partecipate. ''Non spariro', sono qui a testa alta'', ha continuato. Per l'istituto ora ''si prospetta un percorso tortuoso con scelte difficili da affrontare con unita' e senso di responsabilita'''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog