Cerca

**Banche&Assicurazioni** (5)

Finanza

(Adnkronos) - Intanto il nome di Mario Draghi al vertice della Bce si fa ogni giorno piu' insistente. Il governatore della banca d'Italia incassa il sostegno esplicito di Nicolas Sarkozy. Le parole del leader francese arrivano al termine del bilaterale con l'Italia, "la Francia sara' molto felice di appoggiare un italiano alla Bce" e suonano come un'investitura. Mario Draghi, con il via libera di sarkozy e l'apprezzamento tedesco ormai sostanzialmente espresso, ha la strada spianata verso la presidenza dell'Eurotower.

Il nome del successore di Jean Claude Trichet, che ha il mandato in scadenza il 31 ottobre, sara' formalizzato con ogni probabilita' nel corso del vertice europeo di giugno. E se e' vero che l'ultima parola spetta alla cancelliera Angela Merkel, che ha insistito a lungo, fino al suo passo indietro ufficiale, per la candidatura 'tedesca' di Alex Weber, i giochi sembrano ormai fatti.

A prevalere sarebbe il profilo internazionale e superpartes di Mario Draghi, apprezzato nel suo ruolo di presidente del Financial Stability Board di fronte all'emergenza della crisi finanziaria. "Noi non lo appoggiamo perche' italiano ma perche' e' un uomo di qualita' e anche italiano", ha chiarito del resto Sarkozy, evidenziando anche la 'reciprocita'' dell'impegno, con l'Italia che "si e' detta disponibile ad appoggiare la nomina di un francese nel comitato esecutivo della banca centrale". (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog