Cerca

Barletta: arrestato convivente marocchina, nel 1990 aveva ucciso la moglie

Cronaca

Barletta, 30 apr. (Adnkronos) - Il convivente della donna marocchina Lakbira El Hayj, 40 anni, uccisa la notte scorsa a Canosa di Puglia, in provincia di Barletta-Andria-Trani, a colpi d'arma da fuoco, e' stato arrestato da agenti del Commissariato di Polizia perche' sospettato di essere l'autore dell'omicidio. Si tratta di Cosimo Damiano Pastore, 49 anni, pregiudicato.

Il provvedimento di polizia giudiziaria verra' ora sottoposto al vaglio del pm e poi del gip. L'uomo gia' nel 1990 aveva ucciso la moglie e aveva scontato una pena di 10 anni nel manicomio giudiziario di Aversa. Agli inquirenti ha raccontato che uno sconosciuto intorno a mezzanotte si era avvicinato alla porta a vetri dell'abitazione della donna al piano terra di via senatore Vito Rosa e aveva fatto fuoco uccidendo Lakbira.

Pastore e' stato sottoposto alla prova dello stub i cui risultati sono attesi nelle prossime ore. Gli inquirenti hanno riscontrato discrasie tra il suo racconto e alcuni indizi raccolti sul posto. Sembra che fosse possessivo e che volesse sposarsi con la donna mentre quest'ultima non voleva. Anzi forse era pronta a partire. In casa e' stata trovata una valigia. I locali, che la cittadina marocchina divideva con una connazionale gia' partita nei giorni scorsi, erano pronti per una ristrutturazione a causa di alcune perdite. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog