Cerca

Teatro: al Ghione di Roma Valeria Valeri con 'Oscar e la dama in rosa'

Spettacolo

Roma, 2 mag. - (Adnkronos) - La storia tratta da 'Oscar e la Dama in rosa' di Eric-Emmanuel Schmitt insegna che cos' e' la morte attraverso gli occhi di un bambino senza essere un testo triste. 'Oscar e la Dama in rosa' analizza due fra i piu' forti tabu' dei nostri giorni: la morte e la vecchiaia con il rapporto di un bambino malato di leucemia e un'anziana volontaria dell'ospedale. La dama in rosa, Valeria Valeri, e' l'unica interlocutrice in grado di dare un significato alla fase finale della vita di Oscar, perche' sia i genitori sia i medici evitano di parlare sinceramente con lui, impedendo ogni spontaneita' di rapporto.

Oscar, non essendo stato allevato religiosamente, inizia questo dialogo con diffidenza e impaccio, ma a poco a poco, indirizzato dall'esuberante vecchietta, scopre un nuovo modo di vedere se stesso e gli altri, e un nuovo modo di comunicare, che cambiera' per sempre la vita di chi si trovera' vicino a lui in quegli ultimi giorni. Ma sara' nonna Rosa, come la chiama Oscar, a proporgli un gioco fingere che ognuno dei pochi giorni di vita che gli restano duri dieci anni. Ogni decennio vissuto presentera' gioie e dolori che Oscar potra' offrire a Dio in una lettera quotidiana, in cui gli chiedera' di soddisfare un desiderio.

Eric-Emmanuel Schmitt e' un autore di fama internazionale, soprattutto dopo la versione cinematografica del suo 'Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano'. Schmitt ha una poetica sintonia con il mondo dell'infanzia, microcosmo in cui si agitano, allo stato molecolare, tutti i sentimenti, i desideri e le paure che rendono complicata la societa' degli adulti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog