Cerca

Amministrative: Faezi (Pdl), a Sani piace vincere facile chieda scusa lui

Politica

Grosseto, 2 mag. - (Adnkronos) - ''Posso capire l'astio dell'onorevole Sani espresso bene in queste parole di odio e livore nei miei confronti, ma non capisco come possa lui, permettersi di giudicare e rivolgersi ai castiglionesi con un simile tono di disprezzo. Quello che manca di rispetto agli elettori e' lui, che non si accorge quanto, in questo momento di difficolta', i cittadini si sentano ancora piu' forti e uniti attorno alla coalizione di centrodestra. Si metta l'anima in pace il Sani, che probabilmente prova solo invidia nel vedere come anche adesso siamo cosi' compatti e coesi. E' oltremodo evidente, che a lui come ai suoi, piace vincere facile, senza nemmeno una competizione elettorale, senza un leale confronto politico con le persone, dimostrando poco attaccamento alle regole della democrazia. Ma sappia sin da adesso che cosi' facile non sara'''. Lo afferma, in una nota, l'on Monica Faenzi (Pdl), sindaco di Castiglione della Pescaia, replicando al parlamentare del Pd Luca Sani.

''La conclamata incompetenza e' solamente la sua all'interno del Pd, certificata non soltanto da una cattiva amministrazione come sindaco di Massa Marittima, ma anche dal fatto che sia da lui che il suo partito non sono stati in grado, in dieci anni, di vincere un solo confronto amministrativo a Castiglione della Pescaia. Un Comune dove la mia arroganza e incompetenza, come le chiama lui, sono riuscite a trionfare due volte, portando avanti un buon governo lungo un decennio. Per sua informazione - continua Faenzi - il Pdl a Castiglione ha trionfato anche alle regionali del 2005, alle provinciali del 2009, alle europee e alle regionali del 2010, dimostrando ogni volta di essere il partito di maggioranza''.

''Capisco l'arrapamento del Sani, che intravede in questa truffa ai danni del Pdl, dove mi auguro non sia coinvolto alcun partito politico, l'unico modo per mettere le mani sul Comune di Castiglione della Pescaia, pero' questa volta ha superato i limiti della decenza e del buon gusto. Semmai chieda scusa Sani per la sua scarsa educazione e, anzi, si aspetti la forte e decisa reazione del popolo di centrodestra castiglionese che disertera' le urne, il 15 e 16 maggio, non riconoscendo ai rappresentati del Pd alcuna autorevolezza ne' capacita' ad amministrare. Chieda scusa - afferma tra l'altro Faenzi nel comunicato - per aver presuntuosamente imposto un candidato a sindaco veterocomunista, contravvenendo, tra l'altro, a quello che chiedeva a gran voce un membro del suo partito, Michele Leone, ovvero le primarie. Chieda scusa lui, infine, per non aver ne' pensato ne' cresciuto alcun candidato valido che fosse al passo con i tempi, ma sia stato in grado solo di rispolverare il vecchio e desueto partito comunista, scegliendo una persona legata a una vecchia concezione del comunismo, ormai superata dall'attuale societa'. Non credo affatto, che i castiglionesi sceglieranno di mettere un comunista al potere'', conclude Faenzi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog