Cerca

Libia: Casini, siamo passati da baciamano di Gheddafi a uccisione del figlio

Politica

Milano, 2 mag. - (Adnkronos) - "Siamo passati dal baciamano di Gheddafi all'uccisione del figlio". Ad affermarlo durante un incontro del Terzo Polo a Milano e' il leader Udc, Pier Ferdinando Casini. Casini si dice certo che per quello che riguarda la mozione presentata dal Carroccio sulla questione libica "Berlusconi e la Lega arriveranno a un qualche pateracchio perche' il potere non hanno intenzione di perderlo".

La Lega, spiega "e' un cane che abbaia ma che poi non morde ma e' importante che qualcuno pensi anche all'Italia, noi penseremo prima all'interesse del paese e poi alle bege politiche anche perche' sulla Libia si gioca una partita molto seria". Per il leader Udc non ci sono dubbi "votare una mozione che fissa il termine delle ostilita' e impossibile perche' significa dare un colpo alla credibilita' della missione alla quale l'Italia partecipa".

Se, aggiunge, "qualcuno vuole votare quella mozione la voti Berlusconi e se la Lega cambia la mozione vuol dire che e' come dico io ovvero cane che abbaia non morde".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog