Cerca

Torino: prostituzione e carte clonate, 17 arresti

Cronaca

Torino, 3 mag. - (Adnkronos) - Un sistema di carte di credito clonate che fruttavano centinaia di migliaia di euro e e sfruttamento della prostituzione. Sono le accuse con cui ieri 23 persone, per lo piu' rumeni ma anche alcuni italiani e cinesi, sono state sottoposte a misure cautelari: 17 arresti e sei obblighi di firma. La banda agiva principalmente a Torino e provincia. L'indagine era partita circa due anni fa e si e' concretizzata dopo la denuncia di violenze di due minorenni rumene a seguito della quale i Falchi della Squadra mobile di Torino, usando le intercettazioni telefoniche, hanno chiuso il cerchio sulla banda.

A capo dell'organizzazione c'era una donna rumena: Alina Ursache, moglie trentatreenne di Viorel Oarza, in carcere per il tentato omicidio di un albanese nell'ambito della guerra tra rumeni e albanesi per il controllo dell'attivita' criminale a Torino e Provincia. La clonazione delle carte di credito era l'attivita' piu' redditizia ma la banda trattava anche la prostituzione in luoghi chiusi ed era coinvolta anche nella prostituzione minorile. Uno degli arrestati aveva il compito di fornire gli appartamenti e promuovere il giro di prostituzione su diversi siti internet.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog