Cerca

Terremoto: autocertificazioni false per ottenere contributi, 30 denunce

Cronaca

Pescara, 3 mag. (Adnkronos) - Professionisti e lavoratori autonomi, artigiani e piccoli imprenditori, coltivatori diretti e commercianti. Un piccolo esercito di ''furbetti'' che hanno richiesto il contributo previsto dall'Ordinanza di Protezione Civile del 6/5/2009, nr. 3763 che riconosceva, per un periodo di tre mesi, un'indennita' di 800 euro mensili, in favore di coloro che erano stati costretti a sospendere la propria attivita' lavorativa a causa del sisma. Non si trattava, quindi, di grandi somme, eppure una trentina di persone, residenti in diverse localita' della Valle Subequana, quindi ai margini del cratere sismico, hanno richiesto il beneficio in questione illecitamente.

La Guardia di Finanza di Sulmona ha infatti scoperto numerose autocertificazioni false, attestanti danni inesistenti ad immobili, impianti, macchinari, impedimenti di vario genere, comunque dovuti al terremoto, che avrebbero determinato la sospensione dell'attivita' di impresa o professionale. L'indagine compiuta ''a tappeto'' su tutti i percettori del beneficio, ben oltre un centinaio nella zona suddetta, ha rivelato che diversi ''furbetti'' avevano persino incrementato il proprio abituale volume di affari, proprio nel periodo successivo al sisma e di asserita, forzata, chiusura.

Questo e' quanto emerso dall'esame di registri e scritture contabili delle attivita' economiche monitorate, in palese, totale, contraddizione con le dichiarazioni di sospensione lavorativa, presentate all'INPS - ente responsabile dell'erogazione - per accedere al contributo. Non una frode particolarmente sofisticata, quanto, semmai, perpetrata confidando sulla possibilita' di farla franca ritenendo, erroneamente, che non vi sarebbe stato un controllo cosi' sistematico ed accurato. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog