Cerca

Aosta: trovato cellulare artista ucciso, arma delitto forse sua scultura

Cronaca

Aosta, 3 mag. - (Adnkronos) - E' stato ritrovato ieri sera il cellulare di Paolo Morandini, lo scultore valdostano di 67 anni ucciso venerdi' notte. Il telefono era spento e si trovava tra i vestiti della vittima. Gli inquirenti avevano comunque gia' iniziato a svolgere i primi accertamenti sull'utenza telefonica.

''I rilievi sono stati un po' rallentati dal grande disordine trovato all'interno dell'appartamento'' ha spiegato il maggiore Cesare Lenti. Secondo i Carabinieri gli elementi fin qui raccolti fanno pensare ''che non si sia trattato di un omicidio premeditato''

Dal lavoro dei Ris si attendono conferme anche riguardo all'arma con la quale l'aggressore o gli aggressori avrebbe provocato le numerose ferite rilevate dal primo accertamento sommario effettuato sul corpo, la stessa sera del ritrovamento del cadavere, da parte del medico legale Maurizio Castelli, all'interno dell'obitorio del cimitero di Aosta. Potrebbe trattarsi di una scultura o comunque di un oggetto appartenente a Morandini, che i Carabinieri avrebbero ritrovato all'interno dell'abitazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog