Cerca

George Clooney e i 50 anni: invecchiare non mi fa paura, meglio che morto

Spettacolo

Roma, 3 mag. (Adnkronos) - Quando sei il più sexy del pianeta, 50 anni ti preoccupano quanto una zanzara fuori dalla finestra. Così, mentre tante donne alla soglia dei 50 sono pronte a stringere patti con diavoli di ogni sorta - a partire dai chirurghi estetici - lui, George Clooney, si avvicina alla fatidica data del mezzo secolo, il 6 maggio prossimo, con il consueto irresistibile sorriso zen. "Invecchiare non mi preoccupa - ha recentemente dichiarato a chi gli chiedeva un suo commento sul 'giro di boa'-. Sono abbastanza a mio agio con l'idea. Perché è meglio dell'altra opzione, che è essere morto. Quindi diciamo che scelgo l'invecchiare". Anche ironico: piove sul bagnato. E subito i paparazzi hollywoodiani si sono scatenati per il toto-festa, scommettendo sulla fidanzata Elisabetta Canalis per un party epocale. "Elisabetta ha i suoi soldi e sarà lei a offrire il party del secolo, vuole veramente che sia la più bella serata della vita di George", ha riportato il settimanale di gossip 'In Touch Weekly' citando una fonte anonima vicina alla coppia. Ma Ely si è affrettata a smentire categoricamente la notizia, mantenendo il blindato riserbo che ha caratterizzato da sempre il suo rapporto con l'ex 'pediatra' più amato d'America.

Il compleanno dell'attore statunitense è una ghiotta occasione per fare il 'punto' sul futuro della coppia, ma i due si innervosiscono parecchio quando i media li stuzzicano su eventuali progetti matrimoniali o genitoriali. "Vedere bimbi che corrono sul prato mi rende rende nervoso - ha recentemente ammesso l'attore -. Non ho mai sognato di mettere al mondo dei George junior. Naturalmente, potrei sempre adottare qualcuno dei figli di Brad Pitt", ha ironizzato Clooney, da sempre grande amico del marito di Angelina Jolie. Sul versante matrimoniale, il bel George d'altro canto ha già 'dato', e fonti a lui vicine ipotizzano che sia rimasto scottato dal fallimento del matrimonio, nel 1989, con l'attrice, nonché collega, Talia Balsam, naufragato dopo soli 4 anni. Per ora George, diventato famoso per il suo ruolo in E.R. e poi protagonista di celebri pellicole tra cui 'Fratello dove sei?', 'Burn After Reading' e 'Prima ti sposo e poi ti rovino' dei Coen, per non parlare di 'Tra le nuvole', 'Syriana' e la sua ottima performance da attore-regista per 'Good Night and Good Luck', preferisce dunque dedicarsi a progetti cinematografici e ai numerosi impegni umanitari che lo vedono spesso in giro per il mondo.

L'attore è infatti molto impegnato nella causa del Darfur, che lo vede spesso impegnato in conferenze e appelli d'intervento umanitario. Dal 2008 è anche stato nominato dall'Onu ambasciatore della pace. Nei mesi scorsi , a dispetto degl incipienti 50 anni, l'attore si era persino recato in Darfur per seguire di persona il referendum che avrebbe deciso per la secessione della parte meridionale del paese africano, contraendo, fortunatamente senza conseguenza, la malaria. A completare il quadro dell'uomo 'perfetto', George è da sempre impegnato nel sociale: insieme al regista Steven Spielberg è coinvolto anche a dare sostegno alle vittime dello tsunami che ha colpito l'Asia. Inoltre, è molto interessato anche all'aspetto ambientalista: è dirigente in una società per l'energia pulita.

Proprio per l'interesse di George verso questi temi, ed essendo stato un sostenitore del Partito Democratico statunitense e in particolare della campagna elettorale di Barack Obama, si era parlato di una candidatura del bell'attore alle elezioni americane, ma la sua risposta era stata lapidaria: "Il mio passato 'disinvolto' mi impedisce di scendere in campo", aveva dichiarato. Un atteggiamento poco hollywoodiano per alcuni, una mossa tesa a mascherare un passato non proprio modello per altri, che danno credito ai 'rumors' che descriverebbero il latin lover per eccellenza un macho 'micio' dai dubbi gusti sessuali. Gusti che peraltro l'attore ha sempre respinto con fermezza, fino ad aggredire verbalmente i giornalisti che continuano a fargli domande su questo tema. Per ora dunque, il compleanno del cinquantenne modello George lascia delusi gli affamati di gossip: niente matrimonio, niente figli, niente politica e persino niente amori gay. Ma si sa, ad Hollywood tutto può succedere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog