Cerca

Toscana: Cisl protesta per nuovo stop per riconversione ex Sadam

Economia

Firenze, 3 mag. - (Adnkronos) - ''Il Governatore Rossi deve avere il coraggio di fare scelte concrete per rendere attrattivo il territorio toscano per investimenti come quello per la riconversione dell'ex zuccherificio Sadam di Castiglion Fiorentino, che vale oltre 100 milioni di euro e almeno 450 posti di lavoro, e non restare prigioniero di movimenti pseudo ambientalisti o di partiti politici non attenti al bene comune ma solo a interessi elettorali di bottega basati sulla demagogia''. E' il duro affondo del segretario generale della Cisl della Toscana, Riccardo Cerza, dopo che ieri e' saltata l'attesa approvazione da parte della Giunta regionale del protocollo per la reindustrializzazione del sito, gia' condiviso con Provincia di Arezzo e Comune di Castiglion Fiorentino.

''Non basta -continua Cerza- scrivere un buon Piano Regionale di Sviluppo dove si enuncia che la base per rifondare la Toscana e' il manifatturiero se poi, alla prima occasione per mettere in pratica questo buon principio, lo si nega nei fatti. La Toscana del lavoro deve uscire dalla paralisi''.

La vicenda e' quella dell'ex zuccherificio Sadam di Castiglion Fiorentino (Arezzo), chiuso dal 2006. Dopo 5 anni e infinite traversie si e' arrivati alla condivisione di un progetto che prevede una serie di interventi che, con un investimento di oltre 100 milioni di euro da parte del Gruppo Maccaferri, porteranno a regime alla creazione di almeno 450 posti di lavoro, compresi i 49 lavoratori ex Sadam al momento in Cassa integrazione in deroga. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog