Cerca

Toscana: Consiglio regionale, linee guida piano di sviluppo 2011-2015 (3)

Economia

(Adnkronos) - Tra le linee guida del documento di sistema regionale, anche la ''valorizzazione del capitale umano, del patrimonio culturale e della produttivita' del mondo della ricerca (universitaria, pubblica e privata), allo scopo di incrementare il tasso di innovazione, di specializzazione e di formazione tecnica''.

Quindi l'incremento ''dell'attrattivita' toscana per investimenti esteri sia identificando alcune aree dedicate a grandi insediamenti industriali, sia attraverso una normativa urbanistica attenta a favorire il riuso di volumi esistenti anziche' il consumo di suolo verde''.

Le priorita' elencate nel documento e tutte volte ad aumentare la produttivita', favorire il ''fare impresa'', creare lavoro qualificato e ridurre la precarieta', si tradurranno attraverso la conferma di strumenti gia' collaudati e risorse per lo sviluppo delle piccole e medie imprese (come i fondi rotativi per investimenti, le garanzie sul credito, il sostegno all'innovazione ed internazionalizzazione) a cui si aggiungeranno i cosiddetti Pis, Progetti integrati di sviluppo, orientati a produrre impatti riscontrabili soprattutto in termini industriali ed occupazionali. Progetti che saranno caratterizzati dall'attivazione di un sistema a rete tra ricerca, una o piu' imprese capofila, indotto o reti di Pmi, servizi del terziario, sia in ''settori maturi che in nuove filiere tecnologiche o produttive''. Nel corso della illustrazione sono stati richiesti chiarimenti dal consigliere Eugenio Giani (Pd) e sono intervenuti per precisazioni Alberto Magnolfi (PdL) e Gianfranco Venturi (Pd).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog