Cerca

Strage Erba: Olindo e Rosa, la certezza di Castagna e i dubbi di Marzouk/Adnkronos (3)

Cronaca

(Adnkronos) - Nessun dubbio neppure sulla testimonianza di Mario Frigerio, sopravvissuto alla strage e pronto, durante il processo, a puntare il dito contro Olindo e Rosa. "Ho avuto modo di parlare con Frigerio piu' volte in questi anni, non sono un professore, ma -spiega Giuseppe Castagna- mi fido del mio istinto che mi porta senza ombra di dubbio a credere alle sue parole, alle sue certezze, alla sua indubbia levatura morale, dote alquanto carente in questi tempi, che sono certo, gli avrebbe impedito di mandare in galera chiunque se non ne avesse avuto la certezza assoluta".

Non solo le confessioni, poi ritrattate, e la testimonianza oculare, sull'auto dei coniugi Romano e' stata trovata una traccia di sangue di una delle vittime, Valeria Cherubini. Anche in questo caso la difesa ha dato battaglia "denigrando l'operato delle forze dell'ordine, accusandole di negligenze e superficialita'".

Cosi' come sulle ipotesi di vie di fuga alternative. L'unica certezza e' che le macchie di sangue 'si fermano' all'interno della corte di via Diaz, come se gli assassini non fossero mai usciti dal cortile del massacro. Chi ha ucciso non e' ne' fuggito dai tetti, ne' attraverso il terrazzo di Raffaella Castagna, ma ha usato le scale "l'unica via per raggiungere la lavanderia", dove Olindo e Rosa, secondo quanto accertato, si cambiano prima di andare a Como, nel tentativo di crearsi un alibi. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog