Cerca

Camorra: candidati Pdl arrestati a Napoli, bufera a pochi giorni dal voto/Il punto (4)

Politica

(Adnkronos) - Sulla vicenda e' intervenuto anche il vicepresidente di Fli Italo Bocchino, che ha sottolineato come "i fatti di Quarto, dove due candidati del Pdl sono stati arrestati perche' esponenti del clan dei Polverino, dimostrano che la legalita' non e' al primo posto nella scala dei valori dei partiti italiani. E' questo uno dei motivi -aggiunge- per cui abbiamo deciso di costituire Futuro e liberta' che ha fatto della legalita' uno dei suoi principi fondanti''.

Per il coordinatore regionale e il presidente regionale di Sel Campania, Arturo Scotto e Dino Di Palma, "e' chiaro che il Pdl in Campania somiglia sempre di piu' alla Dc di Vito Ciancimino nella Palermo degli anni Settanta: armi, droga, appalti. Due candidati arrestati a Quarto nell'ambito della retata al clan Polverino, di cui uno addirittura coordinatore cittadino del partito di Berlusconi, sono la conferma evidente di quanto da tempo andiamo denunciando".

"La politica deve farsi carico ed essere responsabile della questione morale e contrastare ogni presenza nelle liste elettorali di persone che possano avere collegamenti con la criminalita'" secondo il dirigente nazionale di Forza del Sud, Salvatore Ronghi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog