Cerca

Alessandria: ucciso a sprangate e chiuso in fusto olio, fermati la ex e suo patrigno

Cronaca

Torino, 4 mag. - (Adnkronos) - Ci sarebbe una storia di violenze dietro l'omicidio di Giampiero Cannetti, l'uomo di 35 anni il cui corpo e' stato ritrovato ieri pomeriggio in un garage di Alessandria. Il pm Riccardo Ghio ha confermato il fermo per l'ex moglie, Monia Nobile di 35 anni e il patrigno sessantenne, Paolo Belardo. I due si erano presentati ieri in procura ad Alessandria confessando di aver ucciso Canetti e ne avevano fatto ritrovare il corpo, chiuso in un fusto d'olio minerale.

Dai primi accertamenti l'uomo e' presumibilmente stato ucciso con un corpo contundente, una spranga o un tubo di ferro, ma sara' l'autopsia a stabilire le cause della morte.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog