Cerca

Toscana: Lega Nord in Regione presenta interrogazione su geotermia

Cronaca

Firenze, 4 mag. - (Adnkronos) - I tre consiglieri regionali della Lega Nord Toscana, Marina Staccioli, Antonio Gambetta Vianna e Gian Luca Lazzeri, hanno presentato un'interrogazione in Regione in merito alle dichiarazioni dell'assessore Anna Rita Bramerini sulla geotermia. L'assessore, infatti, aveva rilasciato delle dichiarazioni circa l'impossibilita' di poter utilizzare la tecnologia binaria all'alta entalpia amiatina, senza, pero', dare sufficienti spiegazioni sul perche' di questa impossibilita'.

''La geotermia - spiega la vicepresidente del gruppo consiliare leghista in Palazzo Panciatichi, Marina Staccioli, prima firmataria dell'atto - rappresenta ancora la fonte energetica rinnovabile piu' rappresentativa per la Toscana, con oltre l'85% del totale della produzione elettrica da fonti rinnovabili, ma non tutti i territori sono omogenei nella conformazione geologia e del fluido geotermico. Quello amiatino contiene molte sostanze inquinanti, come le emissioni gassose che hanno un livello di tossicita' cinque volte maggiore alla media delle centrali che operano nel mondo''.

Enel e' l'unico titolare dei pozzi di estrazione della risorsa geotermica sul Monte Amiata, ''ma utilizza una tecnologia obsoleta e maggiormente inquinante rispetto a quella a ciclo binario. La societa' Sorgenia - prosegue Staccioli - ammette che si possono realizzare senza problemi centrali a ciclo binario sul territorio amiatino, ma, attraverso la stampa, l'assessore Bramerini ha fatto sapere che non e' possibile, senza spiegarne i motivi''. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog