Cerca

Milano: Palmeri (Terzo polo), Mantovani fa penose battute da Medioevo

Politica

Milano, 4 mag. (Adnkronos) - "I massimi dirigenti del Pdl a Milano continuano a offendere donne e gay con penose battute da Medioevo, da avanspettacolo o da scuola elementare". Lo ha detto Manfredi Palmeri, candidato sindaco di Milano per il terzo polo, in merito alle parole del coordinatore del Pdl lombardo Mario Mantovani in piazza san Babila contro i gay e all'hotel Marriott contro le parlamentari Bindi e Concia.

Per Palmeri "lo scontro politico non puo' essere basato sulla sessualita': altro e' avere in mente dei modelli sociali di riferimento e legittimamente difenderli e sostenerli, altro e' denigrare le singole persone e farle essere sempre piu' vittime di ignoranza, pregiudizi, sottocultura. I moderati e liberali si allontanano in misura crescente da questa linea e chi si riconosce nel Partito Popolare Europeo ne rileva l'incompatibilita'".

"Ricordiamo - prosegue Palmeri - l'approccio omofobo contro gli omosessuali con cui dirigenti del Pdl hanno aperto la campagna di Letizia Moratti. Si puo' avere come punto di riferimento la famiglia come ce l'ho io, senza per questo sentirsi autorizzati in modo incivile e disumano a colpire singole persone che compiono scelte omoaffettive. Non tutto il Pdl, per fortuna, si riconosce in queste posizioni e ringrazio chi ha preso le distanze. La Moratti finora ha taciuto, ascoltando silente e annuente, insulti contro altre donne e contro gli omosessuali... O si riconosce e condivide quelle parole, o la speranza di qualche votarello vale per lei piu' di ogni principio di civilta' e rispetto. Gravi entrambe le cose: come donna, come madre e come sindaco uscente, non ha niente da dire?".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog