Cerca

Mafia: Giuseppe Graviano, su Dell'Utri e politica non rispondo (2)

Cronaca

(Adnkronos) - Graviano quindi ha smentito di aver mai conosciuto prima dei processi e fuori dal carcere Vittorio Mangano. Due giorni fa il pentito Giovanni Brusca ha citato Mangano, proprio nell'aula bunker di Firenze, quale tramite di Cosa nostra per arrivare a contattare il senatore Marcello Dell'Utri e a sua volta Silvio Berlusconi. Riguardo a Mangano, Graviano ha affermato: "Siamo stati coimputati in un processo a Palermo, ma mai abbiamo avuto rapporti".

Graviano ha smentito anche d'aver mai conosciuto direttamente i vertici della cupola mafiosa che guido' Cosa nostra tra gli anni '80 e i primi anni '90: "Non ho mai frequenato Riina, Bagarella o Matteo Messina Denaro". Ha invece ammesso di aver frequentato Tullio Cannella: "Lo conosco da ragazzo, abitava a cento metri da casa mia".

Rispondendo ad una domanda del presidente della Corte d'Assise d'Appello Nicola Pisano, che gli chiedeva conferma del suo ruolo di capo mandamento di una cosca mafiosa a Palermo,Graviano si e' limitato a dire: "Ho delle sentenze definitive e le rispetto. Avendo delle sentenze definitive e rispettandole non posso rispondere".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog