Cerca

'Ndrangheta: Moratti, Clemente non e' indagato

Politica

Milano, 5 mag. (Adnkronos) - "Dopo tre anni di indagini la Direzione Distrettuale Antimafia di Milano diretta da Ilda Boccassini, nota per la sua capacita' e meticolosita', ha ritenuto di non dover neppure indagare Marco Clemente. Dunque i magistrati non hanno rilevato comportamenti penalmente rilevanti a suo carico". Cosi' il sindaco di Milano Letizia Moratti commenta il caso del candidato nelle liste del Pdl alle amministrative Marco Clemente, non indagato, intercettato mentre conversa con un boss della 'ndrangheta augurandosi, secondo quanto emerso dall'intercettazione, che il titolare di un locale notturno milanese muoia "come un cane".

"Continuo a dire da sempre - prosegue la Moratti - che la magistratura deve fare bene e con rapidita' il suo lavoro, da sempre dico che i comportamenti criminali devono essere sanzionati con il massimo rigore. Il portavoce di Pisapia, ormai mediaticamente diventato piu' presente del candidato, e membri della coalizione di sinistra, con il solito garantismo che vale solo per la loro parte, chiedono dimissioni e provvedimenti esemplari".

"Stanno forse dicendo - conclude la Moratti - che la magistratura non ha fatto bene il suo dovere? Che Marco Clemente meritasse la galera o peggio? Lo dicano chiaramente, non a me, ma ai magistrati che hanno condotto l'inchiesta".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog