Cerca

Napoli: Mastella, gruppi criminali pronti a sfruttare disagio sociale

Politica

Napoli, 5 mag. (Adnkronos) - ''Piu' giro la citta', incontro persone che vivono con difficolta' nei quartieri di periferia, piu' mi rendo conto del grande disagio sociale, tocco con mano le gravi difficolta' in cui si ritrova Napoli. Di fronte al bisogno, ci sono persone senza scrupolo, gruppi criminali organizzati pronti a sfruttare in maniera cinica e delinquenziale la situazione, a strumentalizzare e a orientare il consenso elettorale, mettendo addirittura 'in vendita', all'asta, la propria forza persuasiva, facendo leva sui tantissimi bisogni materiali insoddisfatti: la casa, il lavoro, l'assistenza per un familiare anziano o infermo, un figlio handicappato''. Cosi' Clemente Mastella, candidato a Sindaco di Napoli.

''Per me Palazzo San Giacomo non vale nemmeno uno di questi voti inquinati, sottratti al limpido confronto delle idee, alla libera determinazione della persona. Non li voglio questi voti 'rubati' alla sana e retta coscienza. Sono voti che mi rattristano e mi ripugnano, come uomo, come cristiano, come politico. Ribadisco che non li voglio certi voti collegati alla criminalita' organizzata, che non mi interessano. E dico a chi si ostina a muoversi in questa tragica prospettiva di non guardare assolutamente a me, di non volgere nemmeno lo sguardo nella mia direzione. Io non sono assolutamente interessato, anche perche' ho sempre avuto a cuore la famiglia, non le famiglie'', aggiunge il leader dell'Udeur-Popolari per il sud.

''Con altrettanta nettezza, ribadisco che e' giusto effettuare la scrupolosa verifica delle candidature, che e' doveroso escludere chi non ha titolo per stare in lista, senza guardare in faccia a nessuno'', conclude Mastella.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog