Cerca

Mafia: Alfano, modello contrasto Italia apprezzato nel mondo

Cronaca

Palermo, 5 mag. - (Adnkronos) - "Il modello italiano di contrasto alla criminalita´ organizzata, che ha ricevuto il placet durante il G8 di Roma del 2009 ed e´apprezzato nel mondo, si basa su tre pilastri: la cattura dei latitanti, il carcere duro e l´aggressione ai patrimoni mafiosi". Lo ha detto il ministro della Giustizia, Angelino Alfano, intervenendo alle Giornate di studio del gruppo Ppe, in corso a Palermo.

Sul fronte della cattura il guardasigilli ha ricordato che sono state arrestate 7.683 persone, di cui 424 latitanti (29 dei quali tra i piu´pericolosi) in 709 operazioni di polizia giudiziaria. Poi c´e´il capitolo del carcere duro, che "rispetta le convenzioni internazionali, ma impedisce ai boss di comunicare con l'esterno". Infine la confisca dei beni, perche' "i criminali mettono in conto di finire in carcere, ma non di perdere i loro patrimoni. In questi anni abbiamo assestato - ha concluso Alfano - colpi durissimi alla mafia, alla camorra, alla ´ndrangheta e anche alla sacra corona unita".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog