Cerca

Cassazione: stop alle foto cruente, non rientrano nel diritto di cronaca (3)

Cronaca

(Adnkronos) - Nel caso in questione, annota ancora la Cassazione, "evidente e' il nocumento arrecato al diritto della giovane vittima di vivere gli ultimi momenti della propria esistenza al riparo dalla morbosa curiosita' di terzi, cosi' come non puo' disconoscersi il danno morale dei familiari, che hanno subito la dolorosa esposizione alla pubblica curiosita' del corpo martoriato della propria congiunta".

Inoltre la Suprema Corte ricorda che "il sacrificio della riservatezza trova giustificazione soltanto nell'ambito della 'essenzialita'' della condotta ricollegantesi al diritto-dovere di informazione, secondo una nozione che va inquadrata nel generale parametro della 'continenza' individuato quale argine del legittimo esercizio del diritto di cronaca".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog