Cerca

Papa: sindaco Orsoni, nostro dono in vetro miglior simbolo per ringraziarlo

Cronaca

Venezia, 5 mag. - (Adnkronos) - ''Credo che quest'opera in vetro ben rappresenti il cuore di Venezia, la sua storia passata, ma anche l'ingegno e l'imprenditorialita' presente: miglior simbolo non poteva esserci per ringraziare il Santo Padre del grande dono che ci ha fatto con la visita di sabato e domenica prossimi''. Il sindaco di Venezia, Giorgio Orsoni, ha presentato cosi' lo splendido ''Ostensorio di gloria'', che il Comune, a nome della citta', donera' a Benedetto XVI.

L'opera, realizzata dal maestro del vetro, Giampaolo Seguso, con la collaborazione, per le parti dorate, dell'orafo Luciano Brollo, rappresenta una pianta di vite con tre radici che sorregge la custodia dell'Ostia santissima, dalla quale si aprono a croce tre sfere di cristallo dorate, che rappresentano la Trinita'. Dal centro, nei quattro spazi tra le sfere e il gambo di sostegno dipartono sette raggi di luce in cristallo le cui punte disegnano idealmente un quadrato, simbolo del mondo.

Seguso, dopo aver ricordato che la sua famiglia ha avuto l'onore di lavorare per i Pontefici dapprima col nonno (con una serie di lampadari che si trovano in Vaticano) e poi col padre (per il dono a Giovanni Paolo II in occasione della sua visita a Venezia nel 1985) ha annunciato che il compenso pattuito col Comune per l'opera sara' devoluto alle parrocchie di Murano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog