Cerca

Cultura: Baricco riflette sui 'nuovi barbari' nelle mutazioni di oggi

Cultura

Torino, 5 mag. - (Adnkronos) - 'Ci stiamo muovendo come animali e nessuno potra' fermare tutto questo'. Lo scrittore Alessandro Baricco aveva gia' descritto nel suo libro 'I barbari. Saggio sulla mutazione' il fenomeno che ha osservato nel mondo intorno a lui, percepito dai piu' come un'apocalisse e annunciato da una voce che suona come un grido d'allarme: stanno arrivando i barbari. E questo pomeriggio, con insistenza, ha ribadito le sue riflessioni durante una lezione speciale sostenuta da Telecom Italia e Scuola Holden, tenuta da lui insieme a Daria Bignardi e Paola Mastrocola alle Officine Grandi Riparazioni (Ogr) di Torino.

Il presente, secondo Baricco, e' l'unico accadimento, non c'e' un prima e un dopo. Il web non e' 'nuovo'. Il web e' diverso, prima non c'era. Con esso due cose possono essere diverse: il modo di raggiungere il senso, non piu' attraverso la fatica ma con velocita' e superficialita', bisogna smettere di attribuire al termine superficiale un'accezione negativa. E l'idea di esperienza. Il futuro e' nelle mani dei 'selvaggi di genio' non di fini intellettuali, dell'elite erudita. ''Dobbiamo farci trovare pronti ad un cambio della grammatica del nostro pensiero - ha ammonito - verra' distrutto il presente ed il nostro compito e' quello di riscrivere cio' che verra' distrutto, con la grammatica del futuro''.

La seconda domanda da porsi, secondo Baricco, riguarda la scelta del salvabile. ''Saremo sommersi da una nuova civilta', - ha osservato ancora - i selvaggi di genio sono i nuovi barbari. Creature in grado non solo di sentire, emozionarsi, capire cio' che e' degno di essere salvato ma anche di traghettare questi doni mantenendoli vivi e le istituzioni peccano in questo: nella politica nessuno pensa a lungo, ci sono una miopia e un cinismo diffusi'' . Di qui l'invito ad accettare la mutazione, ad andare in superficie per navigare insieme a tutti gli stimoli che ci arrivano contemporaneamente. ''Abbiamo ereditato la necessita' della fatica - conclude Baricco - e' troppa, questo sistema si e' incancrenito, dobbiamo guardare oltre''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog