Cerca

Bari: controllore su treno evoca Hitler contro immigrato, sara' punito

Cronaca

Bari, 6 mag. - (Adnkronos) - Un controllore di un treno delle Ferrovie Appulo Lucane inveisce contro dei ragazzi di colore saliti senza biglietto che gli danno del ''razzista'' e ad uno di essi augura che torni Hitler per tagliargli la testa e gettarlo in un forno crematorio: e' il contenuto di un video, di grande diffusione su internet, che sta mettendo in imbarazzo le Fal. Il video e' stato messo in rete dall'associazione ''Il Grillaio'' di Altamura (Bari) e sta suscitando numerose reazioni di indignazione soprattutto per la frase incriminata, pronunciata in dialetto, ''Speriamo che venga Hitler, che ti tagli la testa e ti metta nel forno crematorio''.

E' stato ripreso con un telefonino cellulare ma non individua l'autore di tali dichiarazioni, di cui non si vede il volto, ne' indica dove il fatto sia avvenuto, su quale treno ed in quale stazione. L'azienda di trasporto locale collega Bari con Matera e con Potenza attraversando tutto il territorio della Murgia.

Le Fal hanno aperto un'inchiesta interna, annunciando ''severissimi provvedimenti'' nei confronti del responsabile. Per l'identificazione hanno chiesto la collaborazione dei sindacati. Anche l'assessore ai trasporti della Regione Puglia, Guglielmo Minervini, ha condannato l'accaduto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Florian

    07 Maggio 2011 - 18:06

    Come al solito si estrapola ciò che fa più comodo e si rovinano le persone che cercano di dare dignità al proprio lavoro e che reagiscono esasperati all'ennesimo sopruso. Perché non si stigmatizza il fatto che quelle persone ancorché di colore, non avevano il biglietto? Perché non si mostra l'atteggiamento provocatorio delle persone senza biglietto ancorché di colore, nei confronti del controllore? Badate bene che oggi gli italiani si sentono estranei a casa loro con nemmeno il diritto sacrosanto di incazzarsi! Se prima o poi qualcuno inizierà a dare la caccia a qualcun'altro sarà solo colpa di questo eccessivo permissivismo a senso unico. Io stesso comincio a sentirmi diverso, un italiano in mezzo ad una marea di extracomunitari che non parlano la mia lingua e che mi pigliano pure per il culo!

    Report

    Rispondi

  • castelli2000

    07 Maggio 2011 - 08:08

    Il problema è che gli italiani non ne possono più di tutta questa gente che viene in Italia e non si comporta bene, pensano che a loro sia tutto dovuto, tutto gratis. In Svezia l'autista dell'autobus controlla che la gente paghi il biglietto, in caso contrario fa scendere in malo modo. Ma in Italia siamo buoni, accettiamo tutti, ormai ci hanno invaso e i nostri politici mangia-mangia non fanno nulla per evitare questa catastrofe. Come mai non vanno a Malta o in Grecia ? Mandateli tutti via !

    Report

    Rispondi

  • giuseppe(ct)

    06 Maggio 2011 - 19:07

    mammamia per carita'..non tocchiamo lo straniero!!!!!!siamo sempre li'.I soliti fessi democratici che puniscono chi fa sempre il suo dovere mentre invece va in difesa di chi viaggia e soggiorna a sbafo.In ogni caso chi soggiorna nel nostro territorio si macchia di crimini piu' grandi.Chi li condanna..e come..?Con gli arresti domiciliari nei residence..o facendogli fare testimonial per prodotti in tv?Che Italia fessa e cattolica!

    Report

    Rispondi

blog