Cerca

Spiagge: Riccardo Borgo (Sib), aprioristiche proteste su decreto

Economia

Genova, 6 mag. -(Adnkronos)- Proteste aprioristiche, speciose, ideologiche. Cosi' Riccardo Borgo, titolare dei bagni La Bussola di Bergeggi, in Provincia di Savona e presidente nazionale del Sib - Ascom (Sindacato italiano balneari) che associa circa 10.000 aziende turistico- balneari, commenta all'ADNKRONOS le critiche sulla parte riguardante i litorali del decreto legge Sviluppo approvato dal governo. Al quarto articolo il decreto prevede che il terreno su cui si trovano insediamenti turistici (chioschi, stabilimenti balneari) sia oggetto di diritto di superficie della durata di 90 anni. Il diritto dovra' essere richiesto dagli imprenditori intenzionati proseguire la loro attivita' e sara' a pagamento.

''Non cambia nulla, non e' vero che vengono privatizzate le coste - spiega Borgo - il demanio rimane proprieta' dello Stato, rimane bene pubblico, inalienabile e non usucapibile, ed e' sempre possibile la revoca o la decadenza della nuova concessione demaniale. Cambia solo il fatto che ora gli imprenditori hanno una prospettiva di tempo sufficiente per investire e quindi valorizzare e rendere piu' belle le strutture e creare lavoro. Del resto, questa diversa durata non fa altro che uniformare le attivita' balneari a quanto gia' previsto per altre situazioni analoghe di attivita' produttiva su beni pubblici come la realizzazione e gestione di parcheggi privati su pubbliche strade e piazze che hanno una durata novantennale o la realizzazioni di attivita' commerciali, industriali o turistiche su patrimonio pubblico comunale con una durata da sessanta a novantanove anni''. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog