Cerca

David di Donatello, miglior film 'Noi credevamo'. Il premio alla regia a Luchetti

Spettacolo

Roma, 6 mag. (Adnkronos) - 'Noi credevamo' di Mario Martone si è aggiudicato il David di Donatello al miglior film dell'edizione 2010-2011 dei premi assegnati oggi dall'Accademia del Cinema italiano.

Il David al migliore regista è andato a Daniele Luchetti per il film 'La nostra vita'. Il premio alla migliore attrice protagonista a Paola Cortellesi per il film 'Nessuno mi può giudicare' mentre migliore attore protagonista è stato giudicato Elio Germano per il film 'La nostra vita'.

Il film di Martone si aggiudica ben sette premi: migliore sceneggiatura (Mario Martone, Giancarlo de Cataldo); migliore direttore della fotografia (Renato Berta); migliore scenografo (Emita Frigato), migliore costumista (Ursula Patzak); migliore truccatore (Vittorio Sodano), migliore acconciatore (Aldo Signoretti).

A seguire nella classifica dei più premiati c'è con quattro David '20 sigarette' di Aureliano Amadei che si aggiudica i premi per: migliore produttore (Tilde Corsi, Gianni Romoli, Claudio Bonivento); migliore montatore (Alessio Doglione); migliori effetti speciali visivi (Rebel Alliance); David Giovani.

Ex aequo con tre David tra 'La nostra vita' e 'Basilicata coast to coast'. Il film di Lucchetti, oltre al David al miglior regista e a quello per il miglior attore (Elio Germano), si aggiudica i David al miglior fonico di presa diretta (Bruno Pupparo). Il film 'Basilicata coast to coast' si aggiudica invece il David al migliore regista esordiente per Rocco Papaleo, il David al migliore musicista (Rita Marcotulli e Rocco Papaleo) e il David alla migliore canzone originale ('Mentre dormi', testi di Gimmi Santucci e Max Gazzè, musica e interpretazione Max Gazzè).

Il David alla migliore attrice non protagonista è andato a Valentina Lodovini per il film 'Benvenuti al Sud', quello al migliore attore non protagonista a Giuseppe Battiston per il film 'La Passione'.

'Il discorso del re' ha invece vinto il David al miglior film dell'Unione Europea. Il David al miglior film straniero è andato ad 'Hereafter'. Infine, il David al miglior documentario di lungometraggio è stato assegnato a 'E' stato morto un ragazzo: Federico Aldrovandi che in una notte incontrò la polizia' di Filippo Vendemmiati, il David al miglior cortometraggio a 'Jody delle giostre' di Adriano Sforzi.

Commozione in sala, durante la consegna dei David di Donatello, al ricordo di Mario Monicelli e Suso Cecchi D'Amico. Nel corso della cerimonia di consegna dei premi all'Auditorium di via della Conciliazione a Roma, Tullio Solenghi ha ricordato Monicelli, scomparso il 29 novembre scorso e la sceneggiatrice Cecchi D'Amico, anche lei scomparsa a luglio dello scorso anno. Un lungo applauso ha salutato i due grandi del cinema italiano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog