Cerca

Rifiuti: Gdf Gorizia scopre traffico illegale, sequetrate 80 tonnellate di catrame e scarti cemento

Cronaca

Gorizia, 7 mag. - (Adnkronos) - La Guardia di Finanza di Gorizia ha scoperto un traffico illegale di rifiuti edilizi ad opera di varie societa' operanti nel territorio del basso isontino. Dopo numerosi appostamenti e pedinamenti, i Finanzieri hanno individuato e fermato due autoarticolati con targa italiana che, apparentemente, trasportavano ghiaino e pietrisco.

A seguito di un attento esame dei documenti di trasporto che accompagnavano il carico, dai quali si evincevano palesi discordanze tali da avvalorare l'ipotesi di presunte irregolarita', le Fiamme Gialle isontine hanno proceduto a scaricare completamente i veicoli, portando cosi' alla luce, abilmente celate sotto di un carico di ''copertura'' costituito da pietrame da lavorazione edile, oltre 80 tonnellate di catrame e scarti di conglomerato bituminoso. Tali rifiuti, classificati comunque come ''non pericolosi'', necessitano tuttavia di diversi documenti autorizzativi sia per il trasporto che per lo smaltimento, che deve essere obbligatoriamente effettuato come previsto per legge e solo ed esclusivamente presso siti appositamente adibiti a tale scopo.

Per non pagare il costo delle operazioni e evitare la richiesta delle autorizzazioni necessarie alla procedura di stoccaggio e smaltimento, i titolari delle societa' coinvolte hanno pensato di aggirare l'ostacolo raccogliendo e smaltendo i rifiuti ''in proprio'': l'azienda produttrice degli scarti di materiale catramoso e bituminoso celava il loro trasporto attraverso abili carichi di copertura grazie soprattutto alla connivenza dei trasportatori e delle societa' edili destinatarie dei carichi illeciti, a fronte di cospicui compensi corrisposti ''in nero'' o sotto altre voci di pagamento. Al termine dell'operazione, le Fiamme Gialle hanno posto sotto sequestro preventivo sia i due autoarticolati che l'intero carico trasportato e relativa documentazione, nonche' segnalato alla locale Autorita' Giudiziaria gli amministratori delle societa' coinvolte per il reato in concorso di cui all'art. 256 del D.Lgs. 152/2006 in materia di trasporto e smaltimento illegale di rifiuti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog