Cerca

Papa: non cedete a cultura edonistica e al consumismo (4)

Cronaca

(Adnkronos) - "Il problema del male, del dolore e della sofferenza, il problema dell'ingiustizia e della sopraffazione, la paura degli altri, degli estranei e dei lontani che giungono nelle nostre terre e sembrano attentare a cio' che noi siamo, portano i cristiani di oggi - ha proseguito il Pontefice - a dire con tristezza 'noi speravamo' che il Signore ci liberasse dal male, dal dolore, dalla sofferenza, dalla paura, dall'ingiustizia".

"E' necessario allora -ha esortato Benedetto XVI- per ciascuno di noi lasciarsi istruire da Gesu': innanzitutto ascoltando e amando la parola di Dio, letta nella luce del mistero pasquale, perche' riscaldi il nostro cuore e illumini la nostra mente e ci aiuti ad interpretare gli avvenimenti della vita e dare loro un senso. Poi, occorre sedersi a tavola con il Signore, diventare suoi commensali, affinche' la sua presenza umile nel sacramento del suo Corpo e del suo Sangue ci restituisca lo sguardo della fede, per guardare tutto e tutti con gli occhi di Dio, nella luce del suo amore".

"Rimanere con Gesu' che e' rimasto con noi, assimilare il suo stile di vita donata, scegliere con Lui la logica della comunione tra di noi, della solidarieta' e della condivisiione. L'Eucarestia e' la massima espressione del dono che Gesu' fa di se stesso ed e' un invito costante a vivere la nostra esistenza nella logica eucaristica come un dono a Dio e agli altri", ha concluso il Papa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog