Cerca

Libri: Dario Fo, il mio Boccaccio muore povero ma la sua grandezza e' cristallina

Cultura

Roma,8 mag.- (Adnkronos) - "Il Bocaccio riveduto e scorretto",a cura di Franca Rame con disegni e dipinti di Dario Fo (Guanda), sara' in libreria da giovedi' 12 maggio. Il nuovo testo e' una riscrizione in parole e immagini delle novelle del Boccaccio ed il Premio Nobel, in un'intervista pubblicata oggi da "La Repubblica", afferma che l'autore "muore povero e dimenticato. Ma la sua grandezza e' cristallina. Rivoluziona la letteratura ed e' un gesto che trasforma radicalmente anche il teatro. Ha le spalle i fabliaux, i racconti in versi medievali".

Nel confronto con Dante, altro fondamentale autore delle letteratura italiana, Fo ammette che entrambi gli autori trecenteschi sono "due nature immense, ma mentre potrei forse prescindere da Dante, non saprei farlo con Boccaccio. La sua grandezza e' aver posto Dio a un lato del suo mondo, mentre Dante continuamente lo colloca al centro. Per questo la condanna della Chiesa e' molto piu' forte nei riguardi di Boccaccio".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog