Cerca

Cinema: e' morta Dana Wynter, star di ''L'invasione degli ultracorpi''

Spettacolo

Los Angeles, 8 mag. - (Adnkronos) - L'attrice statunitense Dana Wynter, star del cult movie della fantascienza ''L'invasione degli ultracorpi'', e morta all'eta' di 79 anni per una insufficienza cardiaca. L'annuncio della scomparsa, che risale a giovedi' scorso in California, e' stato dato oggi dal figlio Mark Bautzer al ''Los Angeles Times''. Bellezza eterea e aristocratica, nata l'8 giugno 1931 a Berlino da una famiglia britannica, Wynter inizio' la carriera di attrice cinematografica ad Hollywood nel 1951.

Si affermo' con il film ''Il treno del ritorno'' (1955) di Philip Dunne, per consacrarsi diva con ''L'invasione degli ultracorpi'' (1956) di Don Siegel con Kevin McCarthy, dove interpreta la parte di Becky Driscoll. Il successo della pellicola consente alla Wynter di ottenere ruoli da protagonista al fianco di celebri star maschili dell'epoca, come Robert Taylor in ''Operazione Normandia'' (1956), Rock Hudson e Sidney Poitier in ''Qualcosa che vale'' (1957), Mel Ferrer in ''Fraulein'' (1958), Robert Wagner in ''In amore e in guerra'' (1958), James Cagney e Don Murray in ''Il fronte della violenza'' (1959), Kenneth More in ''Affondate la Bismarck!'' (1960), Danny Kaye in ''Il piede piu' lungo'' (1961).

Nel 1963 Wynter viene diretta da John Huston nel thriller ''I cinque volti dell'assassino'' (1963), in cui interpreta il ruolo dell'aristocratica Lady Jocelyn Bruttenholm, corteggiata dal misterioso George Brougham (Kirk Douglas), un assassino senza scrupoli. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog