Cerca

Scuola: aumenta dispersione ma non al Sud, a Como doppia rispetto a Bari (4)

Cronaca

(Adnkronos) - Come Tuttoscuola ha gia' illustrato in precedenti servizi, una parte di quei giovani continua a studiare nella scuola non statale o nei percorsi di istruzione e formazione professionale (circa 70 mila - si stima - dei 190 mila dispersi ogni anno nella scuola statale), mentre gli altri (ben 120 mila) abbandonano completamente lo studio. Una stima confermata dai dati Eurostat della Commissione europea, da cui emer ge che il 19,7% dei nostri 18-24enni e' in possesso al massimo della licenza media: cioe' appunto circa 120 mila ragazzi per ogni classe di eta'.

Ma e' analizzando i dati del primo biennio delle superiori (cioe' relativi agli studenti che hanno iniziato un nuovo quinquennio rispetto a quello prima misurato) che salta fuori un trend inaspettato. La dispersione dopo i primi due anni delle superiori e' in controtendenza, essendo aumentata tra il 2007 e il 2010 di oltre un punto percentuale, lasciando prevedere possibili innalzamenti dei livelli finali di dispersione al termine dell'intero quinquennio.

Vediamo i dati. Alla fine del 2007 avevano abbandonato dopo il biennio in 95 mila, pari al 15,4%, mentre a fine 2010 i dispersi dopo il biennio delle superiori sono stati 103 mila, pari al 16,7%. E cio' e' avvenuto nonostante sia stato nel frattempo introdotto il nuovo obbligo scolastico relativo, appunto, ai primi due anni delle superiori. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog