Cerca

Immigrati: Save the Children, intervenire per evitare altre tragedie del mare

Cronaca

Lampedusa, 8 mag. - (Adnkronos) - ''Non possiamo continuare ad assistere a tragedie del mare come quella che si e' verificata ieri sulle coste libiche, causando la morte di decine di uomini, donne e bambini, e ai tanti altri naufragi che si stanno consumando senza che neanche lo si venga a sapere". Lo ha affermato in una nota Valerio Neri, direttore generale di Save the Children in Italia. Save the Children rinnova l'appello ad "aprire urgentemente corridoi umanitari in Libia e a mettere al primo posto delle scelte dei governi la tutela della popolazione civile, a partire dai bambini".

"Molti profughi provenienti dalla Libia, originari dei paesi del Corno d'Africa - si legge nella nota - oggi sono ai confini in Tunisia, nei campi di accoglienza dove anche Save the Children e' presente a tutela dei minori".

''Per evitare che si consumino altri drammi del mare, chiediamo che venga studiata la possibilita' di operare un immediato trasferimento in Europa ed in Italia dei profughi che gia' nei campi di accoglienza sono riconosciuti meritevoli di protezione internazionale, sotto l'egida dell'Alto commissariato dei rifugiati, secondo un piano di resettlement concordato con le comunita' locali, dando priorita' ai minori soli, alle donne con bambini e agli altri soggetti vulnerabili - continua Neri - Evitiamo, almeno per loro, altri viaggi e altre morti". (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog