Cerca

Fascismo: Mussolini interventista, a convincerlo fu lettera di Cesare Battisti (2)

Cultura

(Adnkronos) - Sul quotidiano ''L'Avanti'', Benito Mussolini, non ancora divenuto interventista, scrisse un fondo a sostegno della tesi neutralista; in esso, il futuro capo del fascismo fece un'affermazione che scateno' la reazione di Cesare Battisti, il quale invio' a Mussolini una ''lettera aperta'', che venne pubblicata il 14 settembre 1914, con un ''occhiello'' dal titolo ''Trentino e Trentini''.

La lettera si apriva con una contestazione severa dell'affermazione del suo antagonista: ''Caro Mussolini, Vedo in una corrispondenza romana del tuo giornale messa in burletta una eventuale guerra italo-austriaca, per liberare... coloro che non hanno assolutamente alcun desiderio di staccarsi dall'Austria". "Io non ho, ne' mi arrogo, caro Mussolini, il diritto di parlare in nome di tutti gli irredenti, per quanto mi giungano da Trieste e dall'Istria voci di consentimento; ma sento di potere, di dovere anzi dire una franca parola in nome del Trentino - scriveva Battisti - Il Trentino ci tiene a staccarsi dall'Austria".

"Se tu fossi stato lassu' nei giorni angosciosi della mobilitazione te ne saresti convinto - proseguiva - Avresti assistito alla partenza coatta di oltre trentamila uomini, montanari, contadini, gente abituata da preti e da poliziotti alla rassegnazione. Eppur tutti fremevano d'odio, tutti partivano lanciando all'Austria la maledizione''. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog