Cerca

Milano: Bonino, campagna elettorale in condizioni di illegalita'

Politica

Roma, 9 mag. (Adnkronos) - "In qualunque Paese rimasto vagamente attento alla democrazia e allo stato di diritto, democrazia significa uguali condizioni di partenza, una sfida elettorale ad armi pari. A Milano, dove ho una esperienza diretta, non c'e' niente di tutto questo". Lo ha detto Emma Bonino, nella conversazione del lunedi' con Radio Radicale.

"Non e' solo la disparita' delle forze, credo sia stato reso pubblico il dato sui soldi che il sindaco sta investendo, ma perche' non regge piu' nessuna delle regole che reggono questa competizione. Gli spazi per esporre i manifesti sono coperti, e i manifesti illegalmente affissi sono ovunque, e la prima fuorilegge e' proprio il sindaco Moratti. Potrei fare una lista di violazioni di regole, da loro stabilite peraltro".

"Si aggiunga quel che e' successo in tutte le altre campagne: la occupazione manu militari del presidente del Consiglio nonche' capolista a Milano. Tra un po' lancera' anche il meteo. Non e' una impresa disperata, cerchiamo di mettere in questa impresa la speranza di un primo ritorno alla legalita' in questo Paese. Ma e' bene non dimenticare le condizioni illegali di partenza. Queste sono le condizioni", ha concluso la Bonino.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog