Cerca

Firenze: a Scandicci domani ultimo giorni per la mostra del Ghirlandaio (2)

Cronaca

(Adnkronos) - Il progetto Ghirlandaio ha coinvolto, come noto, una pluralita' di soggetti e si e' spalmato tra Firenze e il territorio di Scandicci, luogo di origine della dinasty di maestri del Rinascimento (Domenico Bigordi, il Ghirlandaio capostipite), il figlio Ridolfo e i vari fratelli), alla cui scuola crebbero anche Michelangelo e Granacci. Curata dalla storica dell'arte Annamaria Bernacchioni, la mostra al Castello dell'Acciaiolo ha presentato una selezione di 15 dipinti, capolavori prestati dai musei fiorentini. Da questo nucleo si sviluppavano due diversi itinerari Ghirlandaio.

A Firenze gli affreschi nella Sala dei Gigli in Palazzo Vecchio, la Cappella Sassetti nella chiesa di S. Trinita e la Cappella Tornabuoni in S. Maria Novella, l'Adorazione dei Magi al Museo degli Innocenti. Nell'hinterland gli affreschi nella millenaria Badia di Settimo, nella Chiesa di S. Andrea a Campi Bisenzio, nel Museo d'arte sacra di S. Donnino e S. Martino a Gangalandi. Conclusa nel migliore dei modi questa esperienza, l'Ente cassa di Risparmio sta gia' lavorando alla prossima edizione di Piccoli Grandi Musei, che si svolgera' a Firenze e avra' come tema il grande collezionismo ottocentesco.

''Siamo sicuri - commenta il presidente dell'Ente Cassa di Risparmio di Firenze Michele Gremigni - che anche questa prossima iniziativa sara' di alto livello e che incontrera' il favore del pubblico. Intanto possiamo dirci orgogliosi del successo di Ghirlandaio che sprona la nostra Istituzione a continuare nella sua missione di valorizzazione dei beni artistici e monumentali di cui Firenze e il suo territorio sono cosi' ricchi. E' un contributo che offriamo alla citta' e al mondo della cultura nel segno di una tradizione consolidata alla quale non vogliamo derogare''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog