Cerca

Maltempo: indagine Swg-Anbi, straripamento fiumi prima paura dei veneti

Cronaca

Venezia, 9 mag. (Adnkronos) - ''L'alluvione dello scorso novembre in Veneto, oltre ai danni materiali, ha comportato una mancata crescita del Pil, quantificata in -0,7% ha bloccato un incremento occupazionale calcolato in circa 6.000 posti di lavoro''. Lo afferma Giuseppe Romano, Presidente dell'Unione Veneta Bonifiche, che ha presentato, a Mestre, il programma regionale nell'ambito della Settimana Nazionale della Bonifica e dell'Irrigazione (7-15 maggio) e i dati di una recente ricerca Swg-Anbi, che evidenzia come siano proprio i veneti a temere maggiormente lo straripamento dei fiumi: ben il 48%, infatti, lo indica come maggiore paura a fronte di una media nazionale pari al 21%, che sale comunque al 30% nel Nord Italia.

A livello Paese sono le alluvioni e le esondazioni ad essere segnalate come principale pericolo, il che fa guardare con timore i corsi d'acqua al 46% degli italiani ed al 54% dei settentrionali. D'altronde il 63% dei connazionali segnala di aver dovuto affrontare, almeno una volta, un'emergenza ambientale legata a fenomeni naturali, di cui il 75% rappresentati da alluvioni e straripamenti; tale dato sale addirittura all'88% al Nord. Ben l'80% degli intervistati (85% al Nord) ritiene che un'adeguata opera di prevenzione avrebbe evitato o quantomeno limitato i danni , indicando le principali soluzioni nella manutenzione e pulizia dell'alveo dei fiumi, nell'edificazione di costruzioni migliori e piu' attente all'ambiente, nell'innalzamento degli argini e nella regolazione delle acque dei fiumi.(segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog