Cerca

Iran: Ahmadinejad respinge accuse, governo non ha rapporti con stregoneria

Esteri

Teheran, 9 mag. - (Adnkronos/Aki) - "Il governo non ha alcun rapporto con stregoni o con altre entita' magiche". E' quanto ha affermato il presidente iraniano, Mahmoud Ahmadinejad, in merito agli arresti dei giorni scorsi di alcuni suoi collaboratori, tra cui il suo consuocero e successore designato Esfandiar Rahim Mashaei, accusati di praticare riti magici.

Il presidente, replicando alle affermazioni di un gruppo di sostenitori della Guida Suprema, l'ayatollah Ali Khamenei, ha definito "comiche insinuazioni" le accuse di aver dato spazio all'interno del governo "a personaggi che si relazionano con degli stregoni in Iran". Il presidente ha ribadito che il governo lavora per il progresso scientifico della Repubblica Islamica e ha bollato queste accuse come "ingiuste" e "distruttive" per il paese.

Ahmadinejad ha quindi ribadito l'appoggio della sua squadra di governo a Khamenei, sottolineando che tutti i suoi ministri sono rispettosi della guida spirituale iraniana. Malgrado cio', sono sempre piu' tesi i rapporti tra il presidente iraniano e la Guida Suprema. Il fronte ultraconservatore che appoggia Khamenei ha iniziato una campagna mediatica piuttosto accesa contro Ahmadinejad i suoi collaboratori, alcuni dei quali sono finiti in cella con l'accusa di eresia e stregoneria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog