Cerca

Mafia: Sergio Lima (Sel), no a candidature politici sotto inchiesta

Cronaca

Palermo, 9 mag. - (Adnkronos) - "La differenza tra il mondo della politica ed il lavoro che faticosamente portano avanti le organizzazioni di categoria, con l'introduzione di codici etici e il rifiuto a sottostare alle regole imposte dalla mafia, e' evidente. Basti pensare all'assurdo per cui nella medesima situazione di accertamenti giudiziari si potrebbe essere sospesi dagli ordini professionali o di categoria ma continuare, tranquillamente, a rappresentare le comunita' nelle assemblee elettive". A dirlo e' Sergio Lima, coordinatore provinciale di Palermo di Sinistra Ecologia e Liberta'.

Per Lima "manifestazioni di solidarieta' a uomini politici implicati in episodi di vicinanza alle cosche o di malaffare non aiutano. Ecco perche' ribadiamo il nostro invito a tutte le forze politiche affinche' si dotino di codici interni che impediscano le candidature di personaggi sotto inchiesta , applicando un principio di precauzione che ci appare doveroso. In tal senso - conclude il coordinatore provinciale del partito di Vendola - nei prossimi giorni chiederemo al Prefetto di Palermo di intervenire e vigilare sulle liste presentate per le elezioni amministrative di maggio nei comuni di Bagheria e Terrasini".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog