Cerca

Ocse: per crescita Italia prioritarie riforme strutturali e liberalizzazioni (2)

Economia

(Adnkronos) - Per l'Ocse la politica di bilancio italiana deve conseguire il risanamento a breve e la sostenibilita' a lungo termine. Attualmente l'Italia ''dispone di un buon contesto per la programmazione delle spese e delle entrate complessive articolato in un triennio'', con l'obiettivo del governo di ricondurre il deficit sotto il 3% del Pil entro il 2012.

''Nei programmi del governo -si legge nel rapporto dell'Ocse- si insiste sulla moderazione della spesa, ma i risultati per alcune misure, il blocco delle retribuzioni nel settore pubblico, i tagli ai trasferimenti alle Regioni e una minore evasione fiscale, sono incerti''.

L'Ocse avverte che se si verificasse ''un grave rallentamento nel conseguimento degli obiettivi, sarebbe necessario prendere in considerazione ulteriori tagli di spesa e possibili interventi sul prelievo, a cominciare dalle misure di ampliamento della base imponibile''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog