Cerca

Milano: candidato senegalese con Pisapia, abbattere muri discriminazione/Diario elettorale

Politica

Roma, 9 mag. - (Adnkronos) - Il suo nome e' un po' complicato da pronunciare (e da ricordare): Cheikh Tidiane Gaye. Per questo si fa chiamare piu' semplicemente Gai. E' il candidato senegalese-milanese nella lista 'Milano civica per Pisapia sindaco' nella corsa a Palazzo Marino. Nato in Senegal nel 1971 ma cittadino italiano. E giura di sentirsi milanese 'al cento per cento': "la mia candidatura -spiega- non vuole essere un trampolino di lancio per ruoli istituzionali. Non sono un politico, non ho mai avuto la tessera di un partito politico, voglio impegnarmi per Milano e per i milanesi e restituire alla citta' cio' che mi ha dato".

"Dobbiamo rifare di Milano la grande capitale europea, della creativita', dell'eccellenza,della ricerca scientifica e dell'integrazione sociale. Cambiare Milano dovrebbe essere l'obiettivo di ognuno, abbattendo i muri della discriminazione e della xenofobia", aggiunge Gai.

Il candidato che viene dal Senegal lavora in banca, ma e' anche scrittore e poeta. Tra i titoli pubblicati anche 'Il giuramento'. Chissa' che non sia, in prospettiva, quello nelle mani del Capo dello Stato per una poltrona da ministro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog