Cerca

Dramma al Giro, il belga Weylandt muore dopo lo schianto in discesa

Sport

Rapallo, 9 mag. - (Adnkronos) - Wouter Weylandt, corridore belga della Leopard Trek, è morto dopo una drammatica caduta nella terza tappa del Giro d'Italia. A circa 20 km dal traguardo Weylandt è caduto in un tratto in discesa. I soccorritori hanno praticato sull'asfalto il massaggio cardiaco all'atleta, ma è stato inutile.

Weylandt, secondo le prime ricostruzioni, avrebbe sbattuto violentemente il volto contro l'asfalto o contro un muro che costeggia la strada. Il corridore , soccorso, giaceva a terra privo di sensi. E' stato chiesto l'intervento di un'eliambulanza che ha provato a raggiungere il luogo dell'incidente, a circa 20 km da Rapallo. In attesa di trasportarlo in ospedale, sono continuati i tentativi di rianimare sul terreno il corridore del team Leopard-Trek. Al 26enne, sottoposto immediatamente a massaggio cardiaco, sono state praticate iniezioni di adrenalina e atropina. Ma come detto tutto è risultato inutile: ''Il cuore di Wouter Weylandt ha cessato di battere'', ha reso noto RaiSport, durante la diretta, intorno alle 17.30.

"C'è stata una caduta la cui dinamica è in corso di accertamento. Immediatamente dopo la caduta siamo arrivati, eravamo, dietro al gruppo -ha spiegato a Rai Sport il prof. Giovanni Tredici che è stato tra i primi a soccorrere Wouter Weylandt-. Il corridore era già in stato di incoscienza con una frattura cranica estesa, abbiamo tentato una rianimazione facendo tutto quello che si doveva fare, ma dopo 40 minuti abbiamo dovuto sospendere il tutto. Anche il 118 ci ha detto che era inutile insistere. Nonostante il soccorso immediato non c'è stato nulla da fare".

L'organizzazione del Giro d'Italia ha deciso di annullare il cerimoniale previsto per la premiazione alla fine della terza tappa della corsa rosa, da Reggio Emilia a Rapallo, di 173 km.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog