Cerca

Immigrati: sommozzatori, quei corpi rannicchiati sul fondo del mare/Adnkronos (2)

Cronaca

(Adnkronos) - Il cadavere era a una trentina di metri dal barcone a 15 metri di profondita'. Subito dopo la macabra scoperta, l'orrore e' diventato ancora piu' grande. Un po' piu' distante c'erano, a sei-sette metri di profondita', gli altri due cadaveri. ''Sembrava che dormissero - racconta ancora emozionato il sottocapo Di Mauro - erano entrambi rannicchiati, come se si volessero riparare dal freddo. Erano sul fondo del mare. E' stato un momento veramente terribile''.

A guidare le operazioni di recupero dei cadaveri e' stato il maresciallo Raffaele Perrotta, Capo Nucleo 'Rescue Swimmer' della Guardia costiera.

''Ieri mattina, come accade dopo ogni incidente in mare, siamo tornati sul posto con la mia squadra - ha spiegato Perrotta - e ci siamo immersi per recuperare gli involucri delle zattere del giorno prima. E' d'obbligo il controllo dei fondali anche per fugare ogni dubbio su eventuali vittime rimaste sui fondali. Dopo la prima immersione uno dei miei sommozzatori ha visto il cadavere di un uomo e subito dopo gli altri due, insieme, sul fondale''. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog