Cerca

Emilia Romagna: da programmazione Fse 2000-2006 circa 2.900 posti lavoro

Economia

Bologna, 10 mag. - (Adnkronos/Labitalia) - Dal ferrarese al basso ravennate, fino all'Appennino e alla bassa pianura centrale compresa tra Reggio e Modena: queste le aree interessate dalla programmazione del Fondo sociale europeo 'Obiettivo 2' 2000-2006 in Emilia Romagna, la cui relaizone finale e' stata approvata dalla Commissione Ue. Oltre 263 milioni di euro, di cui 128 finanziati dal Fondo europeo per lo sviluppo regionale, che hanno finanziato 2.911 progetti di sostegno alle imprese e 736 progetti pubblici per la valorizzazione e lo sviluppo del territorio.

I beneficiari dei fondi sono in tutto 130 Comuni (il 38% del totale della Regione) dove risiedono quasi 400 mila persone. Tra i risultati: una riduzione del divario socioeconomico tra i territori anzitutto in termini di occupazione e nuova imprenditorialita': infatti delle 2.911 imprese finanziate, 292 erano 'nuove imprese', mentre gli investimenti raggiunti (545 milioni complessivi) hanno contribuito alla creazione di quasi 2.900 posti di lavoro.

"Una regione piu' coesa, anche grazie alla capacita' di utilizzare al meglio le opportunita' offerte dai fondi europei", ha evidenziato l'assessore regionale alle Attivita' produttive, Gian Carlo Muzzarelli, commentando l'approvazione, da parte della Commissione Ue, della relazione finale di esecuzione del Documento unico di programmazione. Infatti, l'Emilia-Romagna - prima tra le Regioni italiane a Statuto ordinario - ha utilizzato integralmente le risorse messe a disposizione dall'Ue per realizzare quella 'politica di coesione' essenziale per ridurre il divario socioeconomico tra i territori in ambito comunitario. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog