Cerca

Bologna: Matteoli, candidatura esponente Lega a sindaco e' fisiologica

Politica

Bologna, 10 mag. - (Adnkronos) - "Tra Lega e Pdl, che sono due partiti distinti con sensibilita' anche diverse su alcuni temi, c'e' sintonia e un rapporto di coalizione molto forte", dunque, "la candidatura di un esponente della Lega a Bologna e' fisiologica, non c'e' nulla di straordinario". E' quanto osserva, in conferenza stampa sotto le Due Torri, il ministro delle Infrastrutture Altero Matteoli, parlando della candidatura del consigliere regionale del Carroccio Manes Bernardini che corre per Palazzo D'Accursio con l'appoggio anche del Pdl. "Un giovane con esperienza - lo ha definito il ministro - che puo' rappresentare la citta' con molta forza".

"Bologna e' una citta' che gia' dimostrato di poter cambiare, - ricorda Matteoli, riferendosi ai 5 anni di mandato del civico centrista Giorgio Guazzaloca che nel 1999 espugno' il capoluogo roccaforte della sinistra - non e' una citta' della Toscana rossa dove c'e' continuita'. Qui si e' dimostrato gia' in passato che e' possibile avere governi di colore diverso da quello della sinistra". Quanto alla sinistra anche a livello nazionale, conclude Matteoli, "non puo' pensare di dare insegnamenti: non e' mai stata capace di vincere con un candidato della sua area, vedi Veltroni o Rutelli, in quei casi ha sempre perso nel Paese. Per poter vincere e' dovuta ricorrere ad una persona che veniva dall'area moderata e democristiana". Anche se Matteoli non lo cita esplicitamente, il riferimento e' all'ex premier Romano Prodi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog