Cerca

Perugia: uccide giovane con un pugno, uomo condannato

Cronaca

Perugia, 10 mag. - (Adnkronos) - Un 39enne originario di Napoli residente a Perugia e' stato condannato a quattro anni e mezzo di reclusione, con rito abbreviato, dal gup Carla Giangamboni con l'accusa di omicidio preterintenzionale, per aver colpito con un pugno un 29enne perugino poi morto dopo aver battuto la testa a terra contro un marciapiede.

Il fatto era accaduto il 12 febbraio 2010, fuori da una scuola di Ponte San Giovanni. Il pubblico ministero Alessia Tavarnesi aveva chiesto quattro anni e mezzo di reclusione. La difesa dell'uomo invece la riqualificazione del reato in legittima difesa o eccesso colposo di legittima difesa. Il 39enne e' anche stato condannato all'interdizione per cinque anni dai pubblici uffici, e al pagamento di una provvisionale di 50 mila euro a testa per i genitori del ragazzo morto e 40 mila per le due sorelle.

L'uomo oggi ha fatto delle dichiarazioni spontanee dicendo di "chiedersi tutti i giorni perche'" e di aver agito "solo per difendersi". I familiari del ragazzo morto hanno parlato di "sentenza giusta", "anche se - ha detto la madre - nessuna sentenza puo' essere equiparata alla morte di un ragazzo di 29 anni". L'avvocato Giancarlo Viti che difendeva l'imputato ha gia' annunciato ricorso in appello.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog