Cerca

Toscana: Rossi, per la Regione il lavoro e' una priorita' (2)

Cronaca

(Adnkronos) - La Toscana, oltre a non sottrarsi al controllo della spesa sanitaria e a una consistente riduzione delle spese regionali, sara' impegnata per ottenere delle modifiche nel quadro nazionale: ''Ad esempio che il trasporto pubblico sia stralciato dal patto di stabilita' e sia rifinanziato, altrimenti rischia il collasso''.

La proposta del Piano regionale di sviluppo della Giunta, ha spiegato ancora Rossi, riconferma la centralita' del manifatturiero e dell'industria come settori centrali in Toscana: sara' percio' garantita la piena copertura degli interventi di rilancio dell'economia previsti dai programmi comunitari, cosi' come si lavorera' sull'idea di concentrare su cinque distretti tecnologici gli interventi per l'innovazione e la ricerca, ''con il credito d'imposta che consente di sgravare fino al 90% gli investimenti di imprese svolti con atenei o enti di ricerca pubblici''.

Da parte della Giunta sono stati garantiti anche per il 2012 gli interventi di protezione sociale per chi rimane senza lavoro, a partire dalla cassa integrazione in deroga, ma c'e' bisogno ''di accelerare la realizzazione delle grandi opere infrastrutturali''. Per Rossi ''e' evidente che solo il ricorso al capitale privato puo' dare una risposta positiva al rischio, gia' ora realta', di una Toscana dalla mobilita' viaria congestionata, e forse si possono trovare formule di finanziamento nuove, che coinvolgano almeno in parte i cittadini residenti sul territorio''. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog