Cerca

Parmalat-Lactalis, inchiesta su aggiotaggio e insider trading: quattro indagati

Cronaca

Milano, 11 mag. (Adnkronos/Ign) - Quattro persone sono indagate a vario titolo per aggiotaggio e insider trading nell'ambito dell'inchiesta sul caso Parmalat-Lactalis.

Tra queste c'è un manager di Intesa Sanpaolo, Fabio Canè, accusato di insider trading. Coinvolta anche la moglie Patrizia Micucci, direttore di Société Générale, accusata di aggiotaggio. Gli altri indagati sono un rappresentante Lazard e una persona legata ai fondi esteri coinvolti nella scalata al colosso del latte di Collecchio. Per entrambi l'accusa di aggiotaggio.

Questa mattina gli uomini della Guardia di finanza di Milano hanno effettuato perquisizioni , ordinate dal pm Eugenio Fusco, in 6 società e in un'abitazione privata. Tali perquisizioni riguarderebbero il tentativo di scalata a Parmalat.

Fra le società perquisite risultano la sede milanese della Credit Agricole e Société Générale, le banche con cui Lactalis aveva sottoscritto contratti di equity swap su azioni Parmalat.

Sottoposte a perquisizione anche Image Building , la società di comunicazione utilizzata dalla società francese Lactalis, Lazard, l'advisor dei tre fondi che hanno venduto il 15% circa a Lactalis, e Brunswick, la società di comunicazione utilizzata dai tre fondi. Uomini della finanza infine nella sede di Intesa, la banca che ha tentato la cordata italiana.

Le perquisizioni, stando a quanto emerge da fonti investigative, riguardano ''tutti i protagonisti italiani, con sede a Milano, coinvolti nella vicenda Parmalat''. Gli uomini della Guardia di Finanza di Milano hanno sequestrato documenti e dati informatici utili per ricostruire la vicenda.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog