Cerca

Parmalat: pm Milano, da indagati false notizie per azzerare il titolo

Cronaca

Milano, 11 mag. - (Adnkronos) - I tre indagati per aggiotaggio nell'inchiesta su Parmalat-Lactalis ''diffondevano false notizie e ponevano in essere artifizi, concretamente idonei ad azzerare il corso del titolo Parmalat''. E' questa l'accusa contenuta nei decreti di perquisizione messi a segno stamane dagli uomini della Guardia di Finanza di Milano.

Nel decreto di perquisizione si ripercorrono le tappe della scalata alla societa' di Collecchio a partire dal 25 gennaio scorso, quando i fondi firmano l'accordo di coordinamento precisando ''che avrebbero accompagnato Parmalat in una nuova fase di sviluppo''. Promesse a cui seguono, l'8 marzo scorso, le dichiarazioni di Carlo Salvatori, numero uno di Lazard in Italia e, 'garante' della serieta' dei fondi esteri.

L'inchiesta arriva fino al 22 marzo scorso, quando SocGen definisce per conto di Lactalis l'acquisto delle partecipazioni detenute dai tre fondi. Per quanto concerne il ruolo di Patrizia Micucci, responsabile per l'Italia della divisione Coverage and Investment banking di SocGen e' lei, secondo l'accusa che ha ''coordinato l'operazione che ha permesso a Lactalis di comprare il 15,3% del capitale di Parmalat detenuto dai fondi esteri e alla stessa societa' di arrivare a detenere il 29% di Parmalat stipulando 3 o piu' contratti di equity swap con la stessa Socgen e con Cre'dit Agricole. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog